LE ARTISTE DEL CAMPIDOGLIO: BARBARA MARCHI

Le artiste del Campidoglio

Martedì 29 ottobre, presso la prestigiosa Sala Protomoteca del Campidoglio è andato in scena l’evento COLORI DI PACE, scambio interculturale tra Sri Lanka e Italia, organizzato da Anna Maria Brazzò.

di Pasquale Di Matteo

In una sala Protomoteca gremita come non mai, il pomeriggio di martedì 29 ottobre ha cadenzato la scaletta dell’evento COLORI DI PACE, lo scambio interculturale tra Sri Lanka e Italia, curato da Anna Maria Brazzò, in cui a farla da padrone è stata senza dubbio l’arte, attraverso la danza e la pittura.

Il Critico d’Arte, Pasquale Di Matteo, ha personalmente selezionato le 9 artiste che hanno potuto esporre alcune opere in sala e che sono state presentate una a una sul palco dallo stesso Di Matteo.

Tra queste, Barbara Marchi.

Barabara Marchi è un’artista originale, che, attraverso i suoi studi accademici, ha sperimentato per lungo tempo con i colori e con gli stucchi, fino a elaborare un particolare, quanto suggestivo, stile di bassorilievo, che caratterizza la sua arte, fatta di toni vivaci, forti, di sfondi luminosi e cromie evanescenti, che tradiscono il suo amore viscerale per Vincent Van Gogh.

 

Un’artista attenta alle grandi tematiche del nostro tempo, prime fra tutte quello dell’emancipazione femminile e dello svilimento dell’identità umana.

In Barbara Marchi, la forza espressiva si declina attraverso bocche deformate, muscoli guizzanti, cieli infuocati, in cui ogni elemento esaspera il suo racconto, tanto da divenire metacomunicativo, creando nuovi assiomi.

 

La Marchi racconta e lancia messaggi, in opere che hanno sempre un pezzetto della sua anima, come il cuore infranto, trapassato dalla freccia.

E nei suoi lavori, si può osservare come l’artista combatta una lotta interna tra sé e il proprio inconscio, tra la donna elegante, raffinata e dai modi gentili, e quella più immediata, capace di pretendere attenzione, di gridare il proprio pensiero.

Infatti, al di là della costruzione delle sue opere, in cui i colori si fanno materia, fino a catapultare chi osserva nei suoi borghi metropolitani, nei suoi cieli sconfinati e nelle sue scene oniriche, l’arte della Marchi è prima di tutto un’arte concettuale che nasce dall’anima, laddove temi e messaggi sono il frutto di un’aulica tribolazione, attraverso cui l’artista è capace di sviscerare il suo tempo, per poi declinare le proprie impressioni nei suoi lavori.

 

L’arte di Barbara Marchi è caratterizzata da colori che non soltanto catturano l’attenzione per la loro vivacità, ma pretendono meditazione e analisi dei concetti proposti.

Nella sua matericità, l’artista esprime il desiderio di rivoluzionare il presente, modellando e riplasmando volti, espressioni, scene, edifici, tramonti, creando nuove forme metaforiche per migliorare le storture del presente.

Barbara Marchi è una pittrice originale, che sa trasformare le proprie passioni e ciò che le interessa in opere d’arte, con uno stile particolare che ama firmare BAM, il suo nome d’arte.

La Marchi è una professionista e lavora nel suo studio – laboratorio, a Casalecchio di Reno.

Il suo sito personale è: http://www.barbaramarchi.it

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...