THEOPA A CANALE ITALIA, DIRETTA NAZIONALE DEL 28 DICEMBRE 2018

THEOPA a Canale Italia, diretta nazionale del 28 dicembre 2018

Theopa si è raccontato ad Arte Italia, Canale 125 del gruppo Canale Italia, durante la seconda puntata di Percorsi d’Arte, condotta dal Dottor Antonio Castellana.

di THEOPA

Tra i sei artisti protagonisti della seconda puntata del programma “PERCORSI D’ARTE”, andata in onda in diretta nazionale su Arte Italia, Canale 125 di Canale Italia, il 28 dicembre 2018, sono stato presente anche io.

Il programma, condotto dal Critico d’Arte Antonio Castellana, è cominciato alle diciassette, proseguendo la diretta fino alle 20.00.

 

Mezz’ora dedicata a ciascun artista, durante la quale è stato possibile presentarsi al pubblico italiano di appassionati d’arte, sul quarto network d’Italia, dopo RAI, Mediaset e La 7, ma primo quanto ad attenzione per l’Arte contemporanea.

Alle diciannove in punto, sgomitando tra la tensione e l’ansia che mi accompagnano sempre in queste situazioni, è cominciato il mio spazio, durante il quale ho presentato sei opere e ho risposto ad alcune domande che mi ha posto il Dottor Castellana.

 

Ho esposto la mia visione dell’arte, di come per me sia fondamentale la poetica, il messaggio di un’opera, rispetto a scuola e tecnica, quest’ultima utilizzata troppo spesso come rifugio da chi non ha molto da esprimere.

L’arte, infatti, non può essere accostata alla tecnica, se non quando funzionale a un messaggio, altrimenti chiunque frequenti un’accademia d’arte e chiunque ritragga agli angoli delle città sarebbe un Picasso.

Ho ricordato il pensiero espresso qualche tempo fa nella Galleria Albatros di Parma dal Professor Vittorio Sgarbi, in merito a come siano proprio i bambini a essere tutti artisti, in virtù della loro totale ignoranza di tecnica e di scuole d’arte, che li rende immuni da condizionamenti e, perciò, capaci di esprimere con il tratto esclusivamente il loro messaggio interiore.

Spiegando le opere presentate, ho edulcorato i temi trattati, parlando della violenza sulle donne e del ruolo ancora marginale che la donna ha nella società odierna, fino a rimarcare la perdita dei valori familiari e degli affetti, a causa dello svilimento culturale in cui ci conduce la società consumista,  nella sempre più perniciosa e virulenta assenza di identità e di personalità.

 

Le masse, infatti, vengono indottrinate dai media a inseguire modelli di perfezione, di eroi che vestono i panni dell’uomo ricco e potente, alla guida di un’auto di lusso, e della donna che mostra fiera il luccichio dei suoi gioielli preziosi, in un ridimensionamento della maturità sociale che costringe la cultura e i valori a fare spazio a parametri più idonei al motore del progresso e del pensiero liberista, che esaltano il gonfiore del portafogli e il potere economico finanziario.

Partendo dall’Espressionismo e dal Surrealismo, che pure erano in contrasto con il depauperamento culturale dell’epoca, ho confessato di strizzare di più l’occhio al Novembergruppe e al Dadaismo, auspicando una società egalitaria e abiurando ogni forma di tecnica e schema preconfezionato.

Durante l’intervista c’è stata l’occasione per citare alcune delle mostre più importanti alle quali ho partecipato quest’anno, come l’evento internazionale d’Arte Contemporanea “EXPO CONTEMPORARY”, curato dalla nota Semiologa e Critica d’Arte, Nadia Celi, grazie al giudizio della quale sono entrato a far parte dei 25 artisti che hanno esposto alcune opere presso i prestigiosi interni del Palazzo Pincini Carlotti di Garda, (VR), dal 16 al 26 giugno 2018.

 

Ho potuto anche raccontare di come mi sia stato dato l’incarico di curare la presentazione dell’artista Maralba Focone da consegnare al Professor Vittorio Sgarbi, in previsione della Mostra Personale che la Focone terrà presso la Galleria Albatros di Parma, il prossimo mese di febbraio, e che verrà inaugurata proprio dal noto critico d’arte.

Ho ricordato di come, in questo 2018, sia diventato Curatore e Direttore Editoriale delle pubblicazioni online della Galleria Albatros di Parma, per la quale ho anche curato le critiche delle opere finaliste della preselezione per la Biennale di Venezia, che la stessa galleria presenterà alla commissione del Padiglione Italia.

(Per approfondimenti, clicca qui)

Malgrado il tempo esiguo, c’è stata anche l’occasione per accennare al saggio sul mondo dell’arte contemporanea che sto ultimando e che dovrebbe essere dato alle stampe entro la prossima estate.

percorsi d'arte canale italia

Insomma, una bella esperienza con cui concludere un anno positivo, prima di proiettarmi con volontà e passione ancora maggiori nel 2019, che si aprirà con la preparazione della Mostra Personale che terrò in centro Firenze, presso la Galleria Roccart Gallery, in via Delle Ruote 6/R, dal 12 al 24 febbraio, con il vernissage previsto per le ore 18.00 di venerdì 15 febbraio, negli stessi spazi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...