KATARZYNA MARIA LACIAK

Katarzyna Maria Laciak

Katarzyna Maria Laciak, anima e cuore della Galleria Albatros di Parma, è un’artista dai mille volti, capace di proiettare l’esuberanza del carattere e la raffinatezza del suo esistere nella sua arte.

di THEOPA

Nel centro di Parma, trova spazio una piccola Galleria d’Arte che non rispecchia nessuno dei canoni e degli stereotipi che caratterizzano quel tipo di attività.

La Galleria Ciak Albatros, infatti, non prevede solo uno spazio ristoro, ma la sala principale riesce anche a prendere a pugni l’idea classica delle pareti asettiche, bianche, grigio perla o scure.

I toni che predominano in quello spazio, difatti, sono il giallo e il blu elettrico, una ventata di sfrontatezza e di esuberanza che ben rappresentano l’indole di Katarzyna Maria Laciak, la pittrice di origini polacche che gestisce la Galleria Albatros, insieme al marito, il Direttore Artistico, Luigi Bianchi.

Chiunque entri in Galleria, anche solo per un caffè, viene immediatamente inebriato dalla frizzante personalità della Laciak, un’artista che ha esposto anche a Londra e può vantare la paternità di un suo dipinto nelle stanze vaticane.

Eppure, si tratta di una donna dall’animo nobile, profondamente buona e in cui non trovano spazio invidia e rancori nei confronti dei colleghi, anche di quelli associati alla sua galleria, verso i quali potrebbe far valere una certa sudditanza, essendo la padrona di casa.

« Io non invidio proprio nessuno, soprattutto chi ha le mie stesse passioni! », mi confessa la Laciak durante un’intervista. « E mi piacerebbe che questa galleria non fosse vista come tutte le altre, ma come una famiglia, in cui c’è spazio per tutti ».

Katarzyna Maria Laciak mi racconta che ha iniziato a dipingere per caso, qualche anno fa, quando, dopo un trasloco, le dava fastidio osservare le pareti bianche e spoglie della sua nuova abitazione.

« Presi in mano i pennelli e cominciai a imbrattare delle tele… », dice Katarzyna Maria Laciak, « E più dipingevo, più trovavo gratificazione da quella attività, fino a che non è diventata una sorta di dipendenza, anche se, come per tutti, avverto l’esigenza di dipingere in determinati momenti, mentre può capitare che, anche per lunghi periodi, non abbia alcuna voglia di farlo. ».

La Laciak è comunque un’artista molto prolifera e ha già all’attivo oltre cento opere, prevalentemente a olio, anche se non disdegna altre espressioni artistiche, come la pittura materica, nonché fusioni di tecniche per sperimentare.

quadri Laciak theopa

La Laciak si dice quasi ossessionata dai volti, perché definisce la faccia delle persone una sorta di biglietti da visita, e, « … Quasi sempre dono i miei occhi a quei volti, immortalando le mie espressioni del momento in cui dipingo. ».

Katarzyna Maria Laciak è una persona genuina, al limite dell’ingenuità, e, proprio a questa sua caratteristica attribuisce alcune delusioni ricevute da altre persone, motivo per il quale, forse, avverte la necessità di donare i propri sguardi ai suoi mille volti, proprio perché non possa vivere ulteriori delusioni da occhi diversi, da anime diverse, da personalità diverse da sé.

Katarzyna mi racconta che ha prodotto oltre trenta opere che hanno per protagonisti dei cyborg, principalmente donne, perché: « Il cyborg è un robot, freddo, glaciale, non ha anima e non ha cuore. E’ un calcolatore che pensa esclusivamente a se stesso… I Cyborg sono quasi sempre donne, perché le persone che mi hanno deluso di più nella vita sono proprio quelle del mio sesso e, con il tempo, ho imparato a fidarmi poco di loro. ».

Per Katarzyna Maria Laciak la tecnica non è importante, mentre risulta fondamentale rispettare i colori che più rappresentano i suoi stati d’animo del momento in cui avverte la necessità di dipingere, in cui quasi sempre emerge il bisogno di esternare positività e gioia in chi osserva.

La sua pittura figurativa trasmette un’energia di colore che è il manifestarsi più vero e genuino del suo carisma e della sua anima, in un turbinio vertiginoso e implacabile in cui la sua esuberanza miscela sogni, ideologie, voglia di vivere, coraggio e un pizzico di follia, senza la quale sarebbe impossibile cercare di sfidare stereotipi e schemi del mondo dell’Arte consolidati da decenni.

Katarzyna Maria Laciak è molto devota e, proprio dagli insegnamenti biblici, dall’esempio di Gesù, attinge a piene mani per scrivere le pagine della sua vita.

Per scoprire di più su Katarzyna Maria Laciak, entra nella pagina a lei dedicata del blog della Galleria Albatros di Parma, cliccando qui.

One Reply to “KATARZYNA MARIA LACIAK”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...